Mondiali: La “greca” dello Zar