Modena: Ngapeth, “Questa città è la più bella storia della mia vita”